Consiglio Regionale

seguici su

Notizie

Crpo: al via a Trieste i primi Stati regionali delle donne del FVG

12/06/2015, 12:15

(ACON) Trieste, 12 giu - RCM - Stati regionali delle donne del Friuli Venezia Giulia: l'inedito appuntamento - si tratta, infatti, della prima edizione - è al Teatrino Franco e Franca Basaglia del parco San Giovanni di Trieste.

Con la partecipazione dell'assessore Loredana Panariti, titolare delle azioni della Regione in favore delle pari opportunità, e della presidente della Provincia di Trieste, Maria Teresa Bassa Poropat, decine di rappresentanti del mondo femminile si sono ritrovate a parlare degli Stati generali delle donne con la presidente della Commissione regionale per le pari opportunità (Crpo), Annamaria Poggioli; delle sfide che attendono dopo la Conferenza dell'Onu di Pechino del 1995 con la coordinatrice nazionale degli Stati generali delle donne, Isa Maggi; della condizione femminile regionale con Chiara Cristini, consigliera di parità della Provincia di Pordenone che ha fotografato la situazione occupazionale femminile attraverso una serie di dati; del portale "Go Women FVG" con Gabriella Taddeo, consigliera di parità della Provincia di Trieste.

La seconda parte del programma prevede, invece, una serie di laboratori tematici: lavoro e conciliazione, salute e violenza, democrazia paritaria, leadership e innovazione, percorsi di inclusione, educazione e formazione. La conclusione, a cura delle presidenti Poggioli e Maggi, vedrà la scrittura di un documento che sarà consegnato quale contributo alla "Conferenza mondiale delle donne. Pechino 20 anni dopo" che si terrà a Milano, all'interno di Expo, dal 26 al 28 settembre prossimo.

Si tratta di una conferenza voluta per parlare soprattutto di lavoro - ha spiegato la presidente Poggioli -. Ciò a cui dobbiamo puntare è far sì che le buone pratiche siano trasformate in provvedimenti legislativi dove la donna sia rispettata in quanto tale e in quanto lavoratrice. In FVG la situazione non è negativa come altrove, ma a livello nazionale si registra il tasso di occupazione femminile più basso d'Europa, intorno al 12%, e dove per la donna esiste ancora l'obbligo di firma di dimissioni in bianco e la disparità salariale a parità di mansioni dei colleghi.

La presidente Bassa Poropat, dopo i saluti in veste di padrona di casa, ha rimarcato la necessità di lavorare a progetti concreti. Bene che da una regione piccola come la nostra - ha detto - siano uscite idee per numerosi di questi progetti e ne siano stati scelti dal coordinamento nazionale delle donne ben 60. Infine ha sostenuto l'indipendenza economica della donna quale via d'uscita dalla sottomissione a uomini violenti.

Dopo aver riconosciuto che le donne sono coloro che più pagano la crisi di questi anni, l'assessore Panariti si è detta sconcertata dal linguaggio sessista che si registra ogni giorno e che si ritrova riportato anche sui giornali e nei siti social. Il linguaggio - ha riflettuto - rappresenta il mondo che vogliamo, in qualunque ambito. Quando è sbagliato, ci dobbiamo arrabbiare, indignare. E poi dobbiamo fare in modo che i più piccoli siano dalla nostra parte; dobbiamo educarli al fine di eliminare le brutture dovute al sessismo.

Guardando al lavoro, a breve - ha reso noto - partirà un progetto dedicato alle donne che escono da una situazione di violenza e desiderano riaffermarsi con un'occupazione. Anche attraverso il Fondo sociale europeo arrivano degli spazi legati alla conciliazione tra tempi di vita e tempi del lavoro e della formazione femminili. Uno di questi spazi sarà dedicato al dialogo con le aziende, per condividere in primis con queste le buone pratiche. La nostra forza sarà mettere in rete, e quindi far conoscere in modo capillare alle donne, quanto si sta facendo. Non da ultimo, puntare alle giovani ad esempio sostenendo il coworking.

(immagini tv)

stampa invia il comunicato stampa per email