Logo

Petizione

La petizione è un'istanza che ogni cittadino italiano nato o residente in regione può rivolgere al Consiglio regionale per chiedere, con proposte circostanziate e dirette, provvedimenti legislativi o amministrativi nelle materie di interesse della Regione e concernenti comuni necessità ovvero per richiedere l'intervento degli organi regionali nelle sedi competenti per la soluzione di problemi di interesse della collettività regionale.

In virtù delle modifiche apportate al Regolamento interno le petizioni sono ora disciplinate dagli articoli 134 e 135 del Regolamento interno del Consiglio regionale.

Normativa

Regolamento interno del Consiglio regionale

Modulistica

Modello per la raccolta firme per presentare una petizione.

Domande Frequenti (FAQ)

 

  1. Chi può presentare una petizione?
  2. A chi va indirizzata la petizione?
  3. Quali sono i documenti da allegare alla petizione?
  4. Quali sono le modalità di presentazione della petizione?
  5. Chi può procedere all'autenticazione della firma di almeno uno dei sottoscrittori?
  6. Come deve essere formulata una petizione?
  7. Quale seguito viene dato all'arrivo di una petizione?
  8. Cosa avviene decorso il termine dei novanta giorni per riferire all'assemblea legislativa?
  9. Come procede l'assemblea legislativa?
  10. Quali sono le modalità di informazione del primo firmatario di una petizione?

 

1. Chi può presentare una petizione?

Ogni cittadino italiano, nato o residente nella Regione, può presentare petizioni.

» torna su

 

2. A chi va indirizzata la petizione?

La petizione va presentata al Presidente del Consiglio regionale.

» torna su

 

3. Quali sono i documenti da allegare alla petizione?

La petizione è accompagnata dalle autocertificazioni relative ai dati di nascita, di residenza e di cittadinanza italiana dei firmatari, rese dai cittadini nello stesso modello di presentazione della petizione, consapevoli delle sanzioni penali previste per il caso di dichiarazione non veritiera, di formazione e uso di atti falsi, come stabilito dall'articolo 76 del D.P.R. 445/2000.

» torna su

 

4. Quali sono le modalità di presentazione della petizione?

La petizione va indirizzata al Presidente del Consiglio presso il Consiglio regionale, piazza Oberdan n. 6, 34133 Trieste.

Almeno una delle firme dei sottoscrittori deve essere autenticata.

All'atto della presentazione della petizione, uno o più Consiglieri possono dichiarare per iscritto al Presidente del Consiglio di appoggiare le ragioni della petizione stessa.


» torna su

 

5. Chi puo' procedere all'autenticazione della firma di almeno uno dei sottoscrittori?

Possono autenticare le firme i soggetti indicati dall'articolo 21 del DPR 445/2000:

  • i notai
  • i cancellieri
  • i segretari comunali
  • il dipendente addetto a ricevere la documentazione, o altro dipendente incaricato dal Sindaco

In tale ultimo caso, l'autenticazione è redatta di seguito alla sottoscrizione e il pubblico ufficiale, che autentica, attesta che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza, previo accertamento dell'identità del dichiarante, indicando le modalità di identificazione, la data ed il luogo di autenticazione, il proprio nome, cognome e la qualifica rivestita, nonchè apponendo la propria firma e il timbro dell'ufficio.

La firma di uno dei presentatori può essere autenticata anche presso gli uffici del Consiglio regionale dal Segretario generale o da altro funzionario incaricato.

» torna su

 

6. Come deve essere formulata una petizione?

La petizione deve includere tutti i fatti attinenti alla questione su cui verte, deve essere redatta in maniera chiara e leggibile.

Si invita a utilizzare per la raccolta delle sottoscrizioni il modello pubblicato sul sito consiliare, con l'avvertenza che in calce al testo della petizione, in forma leggibile, devono essere riportati i seguenti dati:

  • cognome e nome;
  • luogo e data di nascita;
  • luogo di residenza;
  • firma dei presentatori.

I sottoscrittori con la medesima firma con cui aderiscono alla petizione autocertificano contestualmente, ai sensi e per gli effetti dell'art. 46 D.P.R. n. 445/2000, anche i dati relativi a cittadinanza, nascita e residenza.

» torna su

 

7. Quale seguito viene dato all'arrivo di una petizione?

Dopo un esame preliminare, la petizione, contrassegnata da un numero identificativo progressivo, viene assegnata dal Presidente del Consiglio alla Commissione competente per materia.

La Commissione, ove abbia all'esame progetti di legge sullo stesso argomento, ne discute congiuntamente.

Entro novanta giorni dall'assegnazione della petizione, la Commissione delibera, con apposita risoluzione, di accogliere in tutto o in parte la petizione e di trasmetterla alla Giunta regionale, ovvero di archiviarla. Tuttavia può anche deliberare di sottoporre la risoluzione all'Assemblea, predisponendo la relativa proposta.

» torna su

 

8. Cosa avviene decorso il termine dei novanta giorni per riferire all'assemblea legislativa?

Decorso il termine dei novanta giorni senza che la Commissione abbia concluso l'esame, essa viene iscritta di diritto all'ordine del giorno della Commissione stessa qualora lo richieda un numero di commissari il cui voto rappresenti almeno dieci Consiglieri.

» torna su

 

9. Come procede l'assemblea legislativa?

La petizione, iscritta all'ordine del giorno dei lavori consiliari, accompagnata eventualmente da una o più relazioni, viene esaminata e votata dai Consiglieri.

» torna su

 

10. Quali sono le modalità di informazione del primo firmatario di una petizione?

Il primo firmatario della petizione è tenuto informato dello stato della procedura di esame della petizione stessa sia in Commissione che in Assemblea.

» torna su

» inizio pagina