Informazioni ed eventi

CALRE: Zanin, una migliore legislazione volàno della ripartenza e di una nuova crescita economica e sociale

12.11.2021
Pubblicazione a cura della Struttura stabile Comunicazione istituzionale del Servizio Comunicazione e Informazione

Il Presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, ha coordinato, il 12 novembre, il gruppo di lavoro della CALRE (la Conferenza delle Assemblee Legislative delle Regioni d’Europa) sulla “Better regulation” e la valutazione delle politiche pubbliche.

Nel corso dell’incontro tenutosi online Zanin, che è vicepresidente della CALRE, ha sovrinteso al lavoro di presidenti e rappresentanti di vari parlamenti regionali europei, tra cui le Isole Canarie, la Castiglia e Leòn, la Vallonia, le Azzorre e la Comunità francofona del Belgio, oltre che di molti consigli regionali italiani. Alla riunione hanno partecipato anche esperti della Commissione europea e degli istituti di ricerca, che hanno dato il loro contributo alla discussione.

Il dibattito ha preso spunto dalla condivisione di esperienze e buone prassi delle varie Assemblee legislative regionali intervenute e ha evidenziato la convinzione, sentita trasversalmente a livello europeo, che il miglioramento qualitativo della regolamentazione, improntato alla semplificazione normativa, possa e debba essere il motore della ripresa e di una nuova crescita economica e sociale. Il Presidente del Consiglio regionale FVG ritiene di grande importanza, in questo senso, il rafforzamento del ruolo dei Parlamenti regionali democraticamente eletti, in specie di quelli con poteri legislativi. Un loro maggiore coinvolgimento, unito ad una auspicabile uniformità nell’applicazione delle norme nei diversi territori dell’UE, potrà garantire che le istanze provenienti dai territori e dalle comunità locali vengano effettivamente prese in considerazione nella costruzione dell’ordinamento comune europeo. Un tema, questo, che il Presidente Zanin ha trattato anche nel suo parere d’iniziativa sulla Better regulation, di cui è relatore al Comitato Europeo delle Regioni, e che verrà discusso in sessione plenaria il prossimo 1 dicembre.

Zanin ha evidenziato come sia fondamentale il collegamento con il mondo produttivo. Dalle consultazioni con gli stakeholder si evince, infatti, che spesso la complicazione nella attuazione della legislazione non deriva tanto dalle direttive e dei regolamenti europei in sé stessi, ma dalla stratificazione della normativa europea, nazionale e regionale. Questa complessità sovraccarica di oneri le pubbliche amministrazioni e le imprese, specialmente le piccole e medie, e costituisce un ostacolo alla ripresa dell’economia.

Essenziale anche, secondo Zanin, avere una visione prospettica che ci prepari a vincere le sfide del futuro: è necessario collegare il miglioramento qualitativo della legislazione, in tutti i suoi aspetti, alla scienza. Coinvolgere fin dalle consultazioni gli Istituti di ricerca scientifica servirà a raccogliere dati ed evidenze che saranno essenziali per costruire una legislazione “a prova di futuro”.

CALRE, 12 novembre 2021
CALRE, 12 novembre 2021