Commissione Regionale per le pari opportunità

Notizie dalla CRPO

29 novembre

Webinar "BULLISMO AL FEMMINILE" 

Il 1° dicembre alle ore 16.00 la Commissione organizza il webinar "Bullismo al femminile". Dopo i saluti della Presidente Dusy Marcolin, sono previsti gli approfondimenti di Antonietta De Vita "Il bullismo femminile: il lato oscuro delle relazioni tra donne" e Nadia Sollazzo "Il ruolo dei familiari nel bullismo".

Programma


23 novembre 2022

Conferenza stampa di presentazione del dépliant informativo sulla violenza

Il 25 novembre alle ore 11.30 nella Sala Svevo della Regione Friuli Venezia Giulia a Udine, la Commissione presenta il dèpliant informativo dal titolo "Contrasto alla violenza contro le donne: le donne dove possono chiedere aiuto", contenente l’illustrazione delle principali forme di violenza, i recapiti telefonici dei Centri Anti Violenza del Friuli Venezia Giulia, nonché alcuni riferimenti degli sportelli di ascolto attivi in regione. Tale dépliant è stato realizzato nell'ambito del Progetto del Gruppo Salute, impresa, formazione, conciliazione dei tempi e istruzione.

Lo scopo è fornire alle vittime di violenza e alle/ai cittadine/cittadini un pratico e veloce strumento informativo sulle strutture a cui rivolgersi per chiedere aiuto.


 

11 novembre 2022

Solidarietà a comunità ebraica

La Commissione regionale per le pari opportunità fra uomo e donna esprime piena solidarietà alla comunità ebraica di Trieste per lo sfregio all'edificio di culto sporcato da scritte ignobili e inaccettabili.

La CRPO ritiene che queste gesta deprecabili non debbano essere sottovalutate, ma fortemente perseguite, e i responsabili pesantemente condannati.

La Presidente
Dusy Marcolin


 

8 novembre 2022

Esperienze e prospettive delle Commissioni regionali e delle Province autonome

Il 14 novembre prossimo alle ore 10.00, a Trieste presso l’Aula del Consiglio regionale, la Commissione regionale per le pari opportunità organizza l’iniziativa Esperienze e prospettive delle Commissioni regionali e delle Province autonome.
Le tematiche legate alle Pari Opportunità hanno subito negli anni una positiva evoluzione, ma la CRPO ritiene che ci sia ancora molto da fare per raggiungere appieno la parità di genere. Per tale motivo, la Commissione del Friuli Venezia Giulia ha pensato di far partire proprio dalla nostra regione un confronto, una sorta di laboratorio che possa raccogliere spunti di riflessione, proposte ed esigenze emergenti per innovare e migliorare le rispettive leggi istitutive.
La richiesta di partecipazione va inviata all’indirizzo mail cr.organi.garanzia@regione.fvg.it.

Programma


14 ottobre 2022

Lettera aperta Ordine Avvocati Udine - Presentazione Calendario 2023

La Presidente della CRPO ha inviato al Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Udine una lettera aperta di condanna dei contenuti espliciti del calendario 2023 di prossima presentazione, di cui si riporta il testo integrale.

<<La Commissione regionale pari opportunità tra uomo e donna ha avuto modo di prendere visione della locandina avente ad oggetto la presentazione di un calendario predisposto dall’Avv. Piero Colle, iscritto all’Ordine di Udine. Per di più tale “prodotto” sarà presentato da un già Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Udine, Avv. Enrico Bulfone.

Superfluo sottolineare la volgarità dell’immagine di cui alla locandina attestante, altresì, l’assoluto disprezzo nei confronti della donna. Né è possibile in alcuna maniera classificare tanta volgarità come “rappresentazione erotica”.

Duole constatare quanto sopra, in particolare con riferimento ad una categoria professionale che più che mai dovrebbe essere schierata dalla parte delle tutele di genere e a contrasto di ogni forma di violenza, anche morale, consumabile pure a mezzo di immagini.

Sarà dovere del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Udine assumere ogni iniziativa tesa a una condanna senza riserve dell’indegno spettacolo offerto da un Vostro iscritto.

Va da sé che tra tali iniziative del Consiglio non potranno mancare anche quelle di natura disciplinare atteso come debba ritenersi violato il principio di dignità e decoro che sempre deve essere rispettato dagli Avvocati. Si resta in attesa di essere informati tempestivamente sull’assunzione di tale ultima iniziativa>>.


12 ottobre 20222

Sostegno a Debora Serrachiani

La CRPO ritiene ingiustificabile l'utilizzo di un linguaggio d'odio o di un linguaggio volgare come si è letto in questi giorni sui social a seguito di un tweet inesatto di Debora Serrachiani sulla tragedia del Vajont.

Il trattamento utilizzato nei confronti della parlamentare, anche in questa occasione, non può appartenere ad una società che si ritenga civile. La critica politica, anche pesante, lo scontro sulle idee, sui progetti e sul pensiero devono essere motivo di confronto e dibattito e sicuramente si possono tollerare una dialettica ironica e dura ma non si deve superare il limite della correttezza e divenire volgare.

La Commissione esprime la piena solidarietà a Debora Serrachiani e a tutti coloro che diventano bersaglio di insulti e offese, auspicando che anche su questo tema ci si fermi a riflettere e comprendere che non è utilizzando termini offensivi e vigliacchi si vincono le battaglie.

La Presidente
Dusy Marcolin


4 ottobre 2022

Il 6° appuntamento del percorso “Il Giardino dei dialoghi”

L’11 ottobre è previsto il 6° appuntamento del percorso “Il Giardino dei dialoghi”. In proposito, la Presidente CRPO, che sarà presente all’incontro, afferma che “Nel nostro girare il Friuli Venezia Giulia abbiamo conosciuto, ascoltato, spesso imparato, direttamente da queste grandi professioniste e grandi professionisti, quanto sia stato difficile il loro percorso, fatto di sacrifici e rinunce ma anche di grandi e impagabili soddisfazioni. Ecco perché non ci fermeremo e proseguiremo con altre tappe per raccogliere più informazioni possibili da condividere con il nostro Assessore di riferimento, Alessia Rosolen, che a Udine sarà con noi, per ricavarne opportuni spunti e accorgimenti per le iniziative normative che la Regione ha messo in campo”.

La Presidente invita quanti interessati a partecipare l’11 ottobre 2022 alle ore 18.00 in via Mentana 10 a Udine.

La Presidente
Dusy Marcolin


4 ottobre 2022

Vicinanza della CRPO per le proteste in Iran

La Commissione regionale per le pari opportunità tra uomo e donna - dopo la morte di Masha Amini, di soli 22 anni, barbaramente uccisa per mano della Polizia Morale, soltanto per non aver indossato il velo correttamente e successivamente Hadis Najafi, di appena 20 anni, durante le proteste nella città di Karaj - esprime la propria vicinanza e solidarietà a tutte le donne e a tutti coloro che in questi giorni stanno protestando.

L’uso della violenza contro le e i manifestanti va fortemente condannato, così come la sistematica violazione delle Convenzioni Internazionali dell’ONU, di cui l’Iran è stato membro dal 1945. In particolare, si ricordano la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Convenzione Internazionale sui Diritti Civili e Politici, la Convenzione sull’Eliminazione di ogni forma di Discriminazione contro le Donne (CEDAW), la Convenzione contro la Tortura e altre pene o trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti.

La richiesta che la Commissione rivolge a tutte le Istituzioni, al Governo nazionale e al Governo di Teheran è quella di interrompere immediatamente la violenta repressione in atto contro il popolo iraniano. La CRPO condanna fermamente quanto accaduto, essendo dalla parte delle donne e delle persone che stanno lottando per la libertà e per la parità di diritti civili, sociali e politici.

La Commissione sostiene con tutti i mezzi a propria disposizione il processo di liberazione e conquista dei diritti di tutte le donne che vivono sotto regimi dittatoriali e auspica che l’emancipazione e la libertà possano prevalere sulla repressione dei diritti fondamentali.

La Presidente
Dusy Marcolin


 

4 ottobre 2022

Elezioni in FVG perfetta parità di genere

La CRPO esprime grande soddisfazione per l’elezione di 12 parlamentari della Regione in perfetta parità di genere: 6 donne e 6 uomini rappresenteranno il FVG e a loro tutti la Commissione rivolge i migliori auguri per un proficuo lavoro.

La Commissione si auspica che le 6 neo parlamentari, unite dalla consapevolezza che molto lavoro ancora si deve fare, possano raggiungere velocemente gli obiettivi per raggiungere la completa parità di genere in ogni sua sfaccettatura e si augura che sia l’inizio di una lunga storia che veda le donne protagoniste e premiate per il prezioso lavoro che svolgono anche in politica.

La Presidente
Dusy Marcolin


26 settembre 2022

Crisi Wartsila - 1 settembre

La CRPO segue con molta apprensione quanto sta accadendo a Trieste con la crisi della Wartsila, determinata non da motivazioni economiche ma da una decisione unilaterale della multinazionale.

La chiusura di una fabbrica di dimensioni così importanti nel territorio di Trieste mina gravemente l'economia locale e la stabilità di centinaia di famiglie.
La perdita di quasi 700 posti di lavoro, tra maestranze dirette e indotto, porterà ad una situazione economica pesantemente negativa, con grandi e rovinose ricadute sul territorio e con gravi conseguenze per moltissime famiglie, soprattutto alla luce del periodo difficile che stiamo attraversando.

La CRPO è al fianco delle donne e degli uomini coinvolti da questa scelta e si unisce alle Istituzioni, ai Sindacati e a tutte le parti sociali, nel chiedere con forza il ritiro da parte di Wartsila della procedura di cessazione della produzione nel sito di San Dorligo della Valle (Trieste) e nel respingere i 450 licenziamenti annunciati dalla multinazionale finlandese.

La Presidente
Dusy Marcolin

Modifica legge elettorale - 11 agosto

In riferimento alla richiesta dei Sindaci che richiedono una modifica alla legge che li costringe a dimettersi per poter partecipare alle prossime elezioni regionali, la CRPO ribadisce che sarebbe l'occasione per adeguare la legge elettorale anche per quanto riguarda la doppia preferenza di genere.
Sono 3 le Regioni che non hanno ancora recepito la Legge 20 del 2016, tra queste il FVG.
A marzo del 2021 la Giunta si era mostrata disponibile a costruire con tutte le parti politiche, maggioranza e opposizione, una legge elettorale che coinvolgesse anche la Commissione regionale per le pari opportunità.
La CRPO pertanto sollecita quel tavolo, ai limiti del tempo rimasto, per aggiornare la normativa anche sulla questione della rappresentanza dei generi.

La Presidente
Dusy Marcolin

Locandina Festa degli uomini di Monteprato – 2 agosto

La CRPO ha ricevuto una segnalazione in merito alla locandina utilizzata per promuovere la Festa degli uomini di Monteprato a Nimis che si celebra ogni 2 agosto.

In questa data si susseguono molte occasioni di festa, che pare abbia origini antiche: nel primo dopo guerra, causa condizioni disagiate, clima rigido e povertà, il paese aveva pochi abitanti, per di più anziani, che si ritrovavano nell’osteria, unico centro di aggregazione della vita sociale della comunità, per discutere con preoccupazione della denatalità. Negli anni '70 un gruppo di ragazzi ha organizzato una festa goliardica, che nel corso degli anni ha acquisito fama internazionale.

La Commissione non intende evidenziare e denunciare la festa in sé, quanto l'organizzazione di una "Gara di mangiatrici di banane" e il conseguente uso di immagini e linguaggio che offendono e violano la cultura di parità. Si tratta di immagini che offendono, mortificano e infieriscono sul diritto delle donne a non essere continuamente soggette a violenza, ridicolizzate e banalizzate come nel caso in questione.

La CRPO si domanda perché tradurre la festa in una forma di denigrazione e sessualizzazione la donna: si tratta di una forma neanche tanto subdola di violenza a cui si deve mettere fine.

Per tale motivo la Commissione chiede alle donne di non partecipare a competizioni di questo bassissimo e volgare livello e in generale di disapprovarne l'organizzazione, nonché agli Organizzatori di rispettare tutti i generi in egual maniera, a non tradurre una tradizione antica in una spregevole pagliacciata e di cancellare questa volgare e raccapricciante competizione.

La Presidente
Dusy Marcolin

Cordoglio per la morte della volontaria della Protezione civile – 22 luglio

La CRPO è profondamente colpita dalla tragica notizia della scomparsa di Elena Lo Duca e si stringe alla famiglia per la gravissima perdita.
Elena, madre di famiglia, lavoratrice e impegnata nel mondo del volontariato è un grandissimo esempio di generosità e altruismo, spezzato in un modo davvero tragico.

Esprime inoltre profonda gratitudine a tutti coloro che, in questo momento così difficile per il nostro territorio, sono impegnati allo spegnimento dei roghi.

La Presidente
Dusy Marcolin


 

14 luglio 2022

Sentenza Corte d’Appello di Torino: sconfitta di civiltà

La CRPO apprende dalla stampa la sentenza della Corte d'Appello di Torino che  ha assolto un giovane dal reato di violenza sessuale, in quanto la vittima avrebbe provocato e indotto l’imputato “a osare”.

La Commissione si augura che in Cassazione la sentenza venga modificata, altrimenti ci sarebbe una sconfitta di civiltà che, tra le altre, vedrebbe vanificato il lavoro di tante Associazioni che combattono quotidianamente contro la violenza sulle donne.

La Coordinatrice nazionale delle Presidenti regionali per le Pari Opportunità, Roberta Mori, sollecitata ad intervenire presso la Commissione speciale d’inchiesta sul femminicidio ha commentato: «Proviamo sconcerto ed esprimiamo profondo dissenso rispetto alle motivazioni processuali riportate dalla stampa che, se confermate, rappresenterebbero un passo indietro gravissimo per i diritti e la sicurezza di tutte le donne. Chiediamo pubblicamente alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio di intervenire per un accesso agli atti del processo torinese che, purtroppo, non è un caso isolato ma uno fra i numerosi esempi di sottovalutazione e discriminazione agita contro le donne, che le mette ulteriormente a rischio.»

La Presidente
Dusy Marcolin


8 luglio 2022

Sappada: “Il giardino dei dialoghi - le donne pensano al futuro”

Sappada ha ospitato una partecipata tappa del percorso "Il giardino dei dialoghi - le donne pensano al futuro", progetto pensato e ideato da Nicoletta Ermacora unitamente a Paola Gottardo, Amelia Candoni, Giorgia Paschini, Alice Morgante, Lucrezia Quoco e Erika D’Agostini.

A raccontare le loro intense esperienze, moderate dalla giornalista e scrittrice Elisabetta Pozzetto, sono state Fabrizia Meroi, Irene Morelli, Stefano Lovison, Chiara Platolino e Amelia Candoni.

A fare gli onori di casa l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune, Stefania Piller Hoffer, poi Cristiana, Silvia Cotter e Ivana Spoljar e a chiudere l’incontro la Presidente della Commissione regionale per le Pari opportunità tra uomo e donna Dusy Marcolin.

Il progetto ha confermato la sua valenza per la promozione delle tematiche relative alle pari opportunità ma anche per la valorizzazione delle migliori eccellenze del Friuli Venezia Giulia.

Ne è nata una stretta collaborazione che ha permesso di realizzare diverse serate, a partire da Gemona del Friuli, poi ad Ampezzo, a Polcenigo, Casarsa e ieri a Sappada.

La Presidente, infine, conclude “l'idea di muoverci nel territorio della nostra Regione per cercare le figure femminili, che con piacere e naturalezza raccontano le proprie esperienze personali di affermazione in campo lavorativo, le difficoltà incontrate, i successi ottenuti, la conciliazione della vita famigliare e lavorativa, mettendo in evidenza quali sono stati i servizi utili, ci aiutano a recepire le peculiarità della nostra piccola ma laboriosa Regione. Un lavoro paziente di ascolto, in cui il territorio si racconta e noi riportiamo questo contributo all'attenzione del nostro Assessore di riferimento. Sono particolarmente grata anche all'Amministrazione di Sappada e alle importanti personalità per aver accolto con grande favore la proposta che abbiamo fatto”.

Anche il Sindaco di Sappada Manuel Piller Hoffer, per il tramite dell'Assessore Stefania Piller Hoffer presente all'iniziativa si è compiaciuto dell'evento "Sono onorato che a Sappada si svolgano eventi importanti di ascolto del territorio come il progetto <<Il Giardino dei Dialoghi. Le donne pensano al futuro>>. Ringrazio la Presidente della CRPO Dusy Marcolin e Nicoletta Ermacora ideatrice del progetto che creano occasioni di dialogo per dar voce alle realtà e alle singole esperienze del tessuto del territorio montano".

foto1

foto2

La Presidente
Dusy Marcolin


 

28 giugno 2022

Le disposizioni restrittive nel periodo di pandemia da Covid-19 hanno influito pesantemente sullo stile di vita di ciascuno. Alimentazione sana ed esercizio fisico rappresentano importanti scelte personali, con impatti positivi sul proprio benessere, invece le cattive abitudini possono compromettere la propria salute.

Nel corso del 2021 e 2022 la CRPO, in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine e Confindustria Udine, ha somministrato un questionario al fine di rilevare gli stili di vita, le condizioni di lavoro e dell’ambiente nella nostra regione.

Il 30 giugno alle ore 15.00, presso il Salone di Palazzo Antonini-Belgrado a Udine durante l'incontro formativo SALUTE, STILI DI VITA E BENESSERE. L’impatto della pandemia da Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, verrà approfondito il tema e analizzati i risultati in presenza del Presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin e del Vicepresidente Assessore regionale alla salute, politiche sociali e disabilità delegato alla Protezione civile Riccardo Riccardi.

Locandina


28 giugno 2022

Femminicidio Codroipo – 15 giugno 2022

La nostra regione stamattina si risveglia sotto shock, è successo di nuovo, l’ennesimo femminicidio, il quarantesimo omicidio di una donna dall’inizio dell’anno.

Cosa sta succedendo? La CRPO si dichiara sconvolta e lancia un appello al Governo per porre l’attenzione in maniera urgente sul supporto psicologico integrato alle famiglie. Si può parlare di tragedia solo se ci si riferisce ad un fatto isolato, ma ormai è un fenomeno che sta dilagando in maniera esponenziale ed urge a tutti livelli la necessità di intervenire, gestire e prevenire. Bisogna lavorare su più piani, dai giovani alle coppie avviate e bisogna tutelare i figli vittime di femminicidio, che di fatto restano senza genitori.

Troppe vite femminili ogni giorno sono a rischio e ancora manca la conoscenza degli strumenti per prevenire la violenza. Un appello anche agli avvocati e agli psicologi che si occupano di separazioni, affinché richiedano una perizia psicologica ed un accompagnamento della coppia alla gestione emotiva della separazione. La CRPO auspica che la Società tutta si rieduchi al rispetto di genere.

La Presidente
Dusy Marcolin


28 giugno 2022

Rispettare gli avversari – 9 maggio 2022

La CRPO interviene sulla recente polemica pre-elettorale che ha coinvolto due esponenti politici di Pordenone e Azzano Decimo. La Presidente considera triste e avvilente il fatto di essere chiamati in causa per delle circostanze che continuano a rappresentare delle cadute di stile, con atteggiamenti poco corretti.

Non è tollerabile usare toni che poco hanno a che vedere con la critica politica, ma molto con le caratteristiche fisiche delle persone: sono occasioni in cui viene a mancare il rispetto per la persona. Quale esempio siamo e diamo se ci rivolgiamo all'avversario politico palesando dubbi sulla sua onestà e trasparenza? Se ci sono gli elementi per agire si deve farlo nelle sedi competenti. E allo stesso modo quale esempio siamo e diamo se irridiamo le persone per il loro aspetto fisico?

La Presidente ha letto che sono state fatte delle scuse e ne prende atto: non avremo mai la parità di genere tra uomo e donna se prima di tutto non vi è il rispetto assoluto per la persona.

La Presidente
Dusy Marcolin


28 giugno 2022

Femminicidio Roveredo in Piano – 21 maggio 2022

La Commissione apprende con sconcerto la notizia che, in merito al femminicidio di Roveredo in Piano, sono state concesse le attenuanti generiche: Aurelia Laurenti non tornerà più dai suoi bambini. È una battaglia persa in partenza se non si punisce in modo esemplare chi commette delitti così efferati.

La Presidente
Dusy Marcolin


 

24 marzo

“Il giardino dei Dialoghi, le donne pensano al futuro”, 26 marzo 2022

Il percorso “Il giardino dei Dialoghi, le donne pensano al futuro”, progetto curato dalla dott.ssa Nicoletta Ermacora unitamente e operativamente ad un gruppo di professioniste della nostra regione, sta riscuotendo interesse anche a livello nazionale.

La Presidente CRPO è molto soddisfatta di questa iniziativa che ha aiutato a conoscere meglio il territorio. Grazie ai racconti delle imprenditrici, squisitamente disponibili a raccontare le loro importanti esperienze professionali e familiari, sono state individuate criticità e punti di forza per affrontare meglio le sfide del futuro.

“Questo importante progetto – spiega Nicoletta Ermacora – lo abbiamo ideato e presentato alla Presidente della Commissione Regionale per le pari opportunità, Dusy Marcolin. Ne è nata una stretta collaborazione che ci ha visto partire da Gemona del Friuli a ottobre, poi a dicembre ad Ampezzo e ora ci incontreremo in uno dei borghi più belli d’Italia: Polcenigo”.

Il terzo incontro de “Il giardino dei Dialoghi, le donne pensano al futuro” avrà luogo sabato 26 marzo presso il teatro Comunale di Polcenigo dalle ore 18; è prevista la partecipazione della Presidente CRPO, nonché di imprenditrici della regione. Nell'arco della kermesse, moderata dalla giornalista Elena Del Giudice, verranno raccontate le storie di queste donne con l'accompagnamento musicale di Maurizio Zilli e giovani talenti come quello del trombettista Lucamaria Trevisan. Seguirà un momento conviviale.


17 marzo 2022

"Endometriosi: a che punto siamo"

Domani, 18 marzo alle ore 10.00, a Udine presso la Sala Pasolini della Regione FVG e in modalità telematica.
La Commissione regionale per le pari opportunità, in collaborazione con l’Associazione Endometriosi FVG, esamina lo stato dell’arte del DDL n. 888/2018 e di altre proposte di legge inerenti all’endometriosi, nonchè affronta il tema del Registro Nazionale sull’endometriosi e l'adenomiosi, ponendo il focus della malattia trattata nel contesto della Medicina di genere.
Intervengono illustri professori e medici, oltre che il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma Silvio Brusaferro, il Sottosegretario di Stato Paolo Sileri, il Vicepresidente della Regione autonoma FVG Riccardo Riccardi, il Presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin e il Sindaco del Comune di Udine Pietro Fontanini.

Locandina


8 marzo 2022

Giornata internazionale della donna

L’8 marzo è conosciuto da tutti come la "Festa della donna" ma, in realtà, dovrebbe esser più correttamente nominato la Giornata internazionale della donna. Non si può ricondurre questa data ad una festa; dovrebbe invece essere un'occasione di riflessione, per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche fino ad oggi fatte ma anche per riflettere su quanto lavoro ci sia ancora da fare per completare il raggiungimento delle parità.

Quest'anno la CRPO ha voluto focalizzare l’attenzione su alcune considerazioni dettate dalle opportunità introdotte con il PNRR.

È opportuno e corretto, innanzitutto, rammentare che grazie alle norme regionali, finalizzate ad incentivare la creazione di nuove imprese da parte delle donne sul territorio nei settori dell'artigianato, dell'industria, del commercio, del turismo e dei servizi, sono stati concessi importanti contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile. I dati raccolti dalla Direzione delle attività produttive ci indicano che dal 2013 sono state finanziate 947 nuove imprese a fronte di uno stanziamento complessivo di euro 15.322.992,09. L’ultimo stanziamento di euro 1.500.000 è stato assegnato con una delibera del febbraio 2021. Per quest’anno non è previsto l’avvio di un nuovo bando regionale, proprio perché sono state avviate le misure specifiche attuate dallo Stato nell’ambito, appunto, del PNRR.

Facendo riferimento a quanto annunciato dall’Assessore Barbara Zilli in merito all’importanza dei prossimi sei mesi, cruciali per l’emissione degli ultimi bandi del Piano e che la nostra Regione farà tutto l’indispensabile per non perdere questa grande occasione di crescita, la CRPO vuole essere e si propone quale parte attiva, in quanto “portatore di interesse” negli ambiti di propria competenza. La cabina di regia istituita dalla Giunta regionale, presieduta dall’Assessore Zilli, è uno strumento importantissimo al quale la CRPO sottolinea che lo stesso PNRR richiama l’attenzione sul superamento delle disparità di genere in tutti i suoi aspetti.

Gli ultimi dati Istat, sul tasso di occupazione femminile, rilevano che la nostra Regione si trova in una posizione rilevante rispetto ai dati nazionali e sono tutt’ora in crescita. Motivo in più, per spingere sull’acceleratore ed offrire le possibili opportunità di sviluppo, al fine di assicurare al FVG competitività delle imprese, attrattività del territorio e, soprattutto, aumento dell'occupazione femminile.

Ricordiamo, infine, che il Piano nazionale di ripresa e resilienza ha dedicato ben 400 milioni di euro all'imprenditoria femminile, di cui 160 milioni per implementare il Fondo Impresa Donna; il rimanente è stato destinato allo sviluppo di misure di innovazione e di formazione, nonchè al credito agevolato: un’occasione sicuramente da non perdere ma, anzi, da sfruttare per il bene della nostra gente.

La Presidente
Dusy Marcolin


 

2 marzo 2022

Conflitto in Ucraina

La Commissione Regionale per le pari opportunità sta seguendo con molta preoccupazione l'evolversi del conflitto in Ucraina. Il nostro pensiero è rivolto alle donne, ai bambini e alle persone fragili che stanno attraversando l'inferno e subendo le conseguenze drammatiche di un conflitto che affligge la popolazione ucraina. La CRPO è in grande apprensione e monitora le modalità di aiuto che si stanno definendo nella nostra regione sia per aiutare concretamente le persone che riescono a fuggire dai luoghi martoriati dagli attacchi sia per inviare beni di prima necessità e medicinali per coloro che non possono muoversi. L'invito è quello di rivolgersi ai canali ufficiali come le Amministrazioni Comunali, le Associazioni, le Organizzazioni di solidarietà e la Protezione Civile perché è fondamentale che la grande generosità, che i nostri corregionali stanno dimostrando, venga gestita in modo coordinato per evitare che si creino situazioni di confusione e soprattutto per far sì che gli aiuti vengano usati nel modo più appropriato. La Commissione auspica che vengano messe in atto tutte le iniziative e le condizioni affinché cessi quanto prima questo conflitto e venga ristabilita e rispettata la pace.

La Presidente
Dusy Marcolin


11 febbraio 2022

Giornata Internazionale delle Donne e delle ragazze nella Scienza

Oggi 11 febbraio è la Giornata Internazionale delle Donne e delle ragazze nella Scienza - Giornata delle ragazze STEM. Abbattiamo definitivamente gli stereotipi e i pregiudizi di genere che ostacolano donne e ragazze nel perseguire una carriera Stem.

L'evento, istituito dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite e patrocinato dall'UNESCO, dedicato alle ragazze STEM (acronimo di Science, Technology, Engineering and Mathematics) ha una valenza enorme. Serve a ricordarci che le donne non possono più restare ancora ai margini nei settori delle materie tecnico-scientifiche. Secondo l’ultimo rapporto UNESCO, infatti, solo il 33% dei ricercatori sono donne, nonostante rappresentino il 45% delle laureate e il 55% degli studenti di Master. I motivi per cui le ragazze non si avvicinano alle materie STEM sono dovuti soprattutto a stereotipi e pregiudizi, secondo cui le donne sarebbero meno portate per la scienza rispetto agli uomini. Niente di più sbagliato, in quanto le donne quando scelgono di studiare discipline scientifiche, ottengono in media risultati più alti rispetto ai coetanei maschi. Purtroppo, però, gli stereotipi sbagliati uniti alle scarse prospettive di carriera, portano molte donne a non scegliere le materie scientifiche, mantenendo in questo modo un divario enorme tra i generi.

Secondo gli studi, a 6 anni inizia a radicarsi il pregiudizio che le ragazze siano meno brave nelle materie scientifiche e in prima elementare le bambine cominciano a fare i conti con un sistema che le vuole più portate per le materie umanistiche piuttosto che quelle scientifiche. Il cosiddetto Gender Dream Gap, la differenza di sogni legata al genere. Purtroppo i numeri ci confermano questa realtà: in media a 15 anni, in Italia, il divario di genere in matematica è tra i più alti dei Paesi Ocse: ben 16 punti di differenza, contro una media di 5, secondo l'ultimo rapporto UNESCO. Eppure le differenze sono nulle nei Paesi scandinavi e negli Emirati Arabi. È di tutta evidenza quindi che non si tratta di una questione di genere, ma di fattori culturali e sociali.

Da qui l'impegno fondamentale per aiutare le ragazze a scegliere liberamente gli studi seguendo le proprie inclinazioni e a far emergere i propri talenti, a dispetto di quanto purtroppo ancora, abbiamo visto, si pensi. Condivido infine, le parole della prof.ssa Caputo (capo del Dipartimento di Intelligenza Artificiale del Politecnico di Milano) quando dice "le donne sono grandissime creative hanno una grande capacità di coniugare la voglia di fare bene con la voglia di fare del bene".

La Presidente
Dusy Marcolin


7 febbraio 2022

Solidarietà all’Assessore del Comune di Trieste

La CRPO esprime solidarietà e vicinanza all’Assessore del Comune di Trieste, Nicole Matteoni, spintonata con forza da un Consigliere comunale che non voleva esibire il green pass obbligatorio per accedere al Polo Giovani Toti nel rione di San Giusto.

La Commissione, appoggiando la decisione di denunciare tale episodio, auspica che tali atteggiamenti vengano stigmatizzati dai colleghi del Consiglio comunale di Trieste in quanto veri e propri episodi di violenza fisica e verbale: il rispetto per la persona deve prescindere da qualsiasi opinione.

La Presidente
Dusy Marcolin


18 gennaio 2022

Solidarietà al Presidente Fedriga

La CRPO esprime la propria totale solidarietà al Presidente Fedriga per la gravissima e spregevole minaccia contenuta in una scritta apparsa su un edificio a Tivariacco di Majano, condanna l'atto violento e intimidatorio e auspica vengano individuate le responsabilità e pesantemente punite.

Ribadisce con forza che bisogna urgentemente prendere coscienza di quanto si stia barbaramente modificando - in certi contesti - la società. È nostro dovere, ad ogni livello, adoperarci affinché la deriva di intolleranza e viltà che emerge in certi atteggiamenti venga decisamente fermata.

La Presidente
Dusy Marcolin


17 gennaio 2022

Aggressioni Milano: ogni violenza è un 25 novembre

Le violenze sessuali di branco, avvenute in piazza Duomo a Milano durante la notte di Capodanno, rappresentano un fatto grave, che deve farci riflettere. Le ragazze aggredite hanno subito “violenze orribili” e sono state trattate, è la sintesi delle loro descrizioni, come “bambole di pezza” e “oggetti”. Una situazione che non può vederci inermi, anche se le indagini sono ancora in corso, non possiamo che auspicare che con l'aiuto di tutti gli strumenti tecnologici e le persone presenti siano presto individuati tutti i colpevoli e che vengano pesantemente condannati. Ma non possiamo non evidenziare che qualcosa continua a non funzionare, sembra che ogni violenza sia un 25 novembre e di questo dobbiamo diventarne tutti consapevoli. È necessario prendere coscienza di quanto sta accadendo e delle modificazioni di certi contesti della società: bisogna denunciare e intervenire affinché episodi del genere non accadano ancora.

La Presidente
Dusy Marcolin


 

13 gennaio 2022

La neccessità della presenza delle donne in politica

Va completandosi il quadro dei grandi elettori designati dai Consigli Regionali per l'elezione del Presidente della Repubblica. Mancano 5 Regioni (Calabria, Emilia Romagna, Puglia, Toscana e Trentino Alto Adige) alla nomina dei rispettivi Grandi Elettori e i primi dati riportano che su 43 nomine solo 3 sono le donne elette Grandi Elettrici.

L'elezione del Capo dello Stato, anche per quanto riguarda i Grandi Elettori, non può essere un diritto esclusivo maschile e non è un problema di centro destra o centro sinistra, ma è un problema sociale e culturale. La motivazione della scarsa presenza nell'elenco non ancora definitivo è indubbiamente e strettamente collegata alla ridottissima presenza delle donne nei Consigli Regionali, da dove si attingono i rappresentanti da eleggere appunto.

Questa grande e pesante differenza dimostra ancora una volta quanto sia necessario attivare tutti gli strumenti utili affinché le donne siano più rappresentate anche nei Consigli Regionali. E gli uomini evidentemente, e non solo a parole, devono fare la loro parte per agevolarne l'ingresso. I tempi non sono "maturi" ma - possiamo dire - stanno per scadere: anche nella nostra Regione tutte le parti interessate si devono sedere al Tavolo per affrontare e ragionare assieme sulla questione che passa dalla doppia preferenza a ogni strumento utile per centrare l'obiettivo.

Dobbiamo - infine - però rilevare che per quanto siano fondamentali gli interventi del legislatore per garantire pari rappresentanza tra uomini e donne, non sono sufficienti se non si accompagnano a un cambiamento culturale.

Auspichiamo un nuovo modo degli elettori di vedere il potere politico, non più appannaggio esclusivo degli uomini, ma ambito in cui le donne possono essere davvero protagoniste ed emergere per le loro competenze. E in questo, il ruolo di ognuno di noi è indispensabile.

La Presidente
Dusy Marcolin