News


Numero verde del gruppo Cittadini per il Presidente

01.06.2005
15:28
(ACON) Trieste, 01 giu - COM/AB - Al motto di "Per noi ogni cittadino è importante e merita di essere ascoltato" e alla domanda "Come funziona per te la Regione?" il gruppo consiliare dei Cittadini per il Presidente risponde con un numero verde, attivo dal 1 giugno.

Per la prima volta, un gruppo consiliare istituisce un servizio che inaugura una nuova forma di dialogo con i cittadini. Il movimento guidato da Bruno Malattia decide di avvicinarsi ancora di più al suo punto di riferimento: ai cittadini e alla società civile. Il gruppo consiliare risponderà al numero verde per risolvere i problemi sollevati dai cittadini e per cercare di coglierne i suggerimenti in quella forma di cooperazione attiva con le persone che è nello spirito della lista civica.

Chiamando l'800.844.081 risponderanno i Cittadini per il Presidente.

Il numero verde è attivo tutti i giorni tranne il sabato e la domenica (dal lunedì al giovedì 9.00/17.00 e il venerdì 9.00/14.00). Negli altri orari risponderà una segreteria telefonica alla quale lasciare il proprio numero telefonico per poi essere richiamati. Il numero verde offre l'opportunità di entrare in contatto gratuitamente con i Cittadini per il Presidente e permette di comunicare disservizi e/o di offrire suggerimenti.

"Per noi ogni cittadino è importante e merita di essere ascoltato - ha spiegato durante la conferenza stampa a cui ha partecipato l'intero gruppo consiliare il presidente Bruno Malattia - il numero verde servirà a dare responsabilità e voce ai cittadini. E' un modo libero per dialogare con loro. Al numero verde si associano altre iniziative come convegni, dibattiti, incontri. Questo modo di comunicare tra cittadini e istituzioni, tra cittadini e Regione, facilita la trasparenza".

Carlo Monai, vicepresidente del Consiglio, ha evidenziato come "il numero verde rappresenti uno strumento versatile e agile; uno strumento per mettere in contatto, in modo paritario, i consiglieri regionali con i cittadini".