News


Omnibus: ok Aula a norme su edilizia libera e interventi di recupero

29.04.2021
20:15
(ACON) Trieste, 29 apr - Edilizia libera, procedimenti di recupero in autotutela, proroga dei termini per la rendicontazione ai fini della sostituzione dei serramenti e interventi di miglioramento per l'isolamento acustico e statico.

Via libera del Consiglio regionale agli articoli dal 82 al 96 (contenenti disposizioni in materia di infrastrutture, territorio e viabilità) al termine di una sessione di lavori contraddistinta dalla presentazione di numerosi emendamenti, caratterizzati da molteplici ritiri in attesa di condizioni più idonee per una valutazione compiuta, quasi sempre di concerto con l'assessore regionale a Infrastrutture e Territorio, Graziano Pizzimenti. Svariate anche le conversioni in ordini del giorno con alcuni ricorsi alla formula dello stralcio.

Niente da fare per le richieste dem (il capogruppo Diego Moretti primo firmatario, affiancato dalla collega Mariagrazia Santoro), seguite da quella di Furio Honsell (Open Sinistra Fvg), ai fini della soppressione dell'articolo che introduce modifiche all'articolo 16 della legge regionale 19/2009 con particolare riguardo per gli interventi di ristrutturazione.

Igor Gabrovec (Ssk) ha invece ritirato ben cinque emendamenti su richiesta dell'assessore che ha comunque dichiarato di averne apprezzato la logica. I temi trattati erano legati al materiale movimentabile per pratiche agricole, ai materiali di escavazione, alla posa di recinzioni non stabilmente ancorate al terreno, alla difesa delle colture dalla fauna selvatica e ai ricoveri temporanei funzionali alle necessità dei greggi senza autorizzazioni edilizie.

Lo stesso Gabrovec, per quanto concerne la possibilità di consentire ai consorzi di comunioni familiari di proprietà collettive la realizzazione di strutture strettamente connesse all'attività agro-silvo-pastorale, ha chiesto e ottenuto lo stralcio per riproporlo in sede di Commissione. Dovrebbe invece diventare un odg l'opzione per un database che valorizzi gli antichi toponimi originali.

Anche il leghista Lorenzo Tosolini, affiancato dagli altri componenti del Gruppo consiliare del Carroccio, ha ritirato un paio di proposte che lo vedevano primo firmatario trovando invece soddisfazione nel mantenimento le deroghe alle distanze tra edifici disposte dagli strumenti urbanistici, non solo agli interventi di miglioramento dell'isolamento acustico, ma estendendoli a quelli di adeguamento statico. In merito al Codice regionale dell'edilizia, promossa l'iniziativa forzista (guidata dal capogruppo Giuseppe Nicoli con Mara Piccin e Franco Mattiussi) volta a precisare la disciplina di riferimento certificazioni di agibilità vetuste. Ritirata, ma solo per ripresentarla in sede di Assestamento, la conferma di contributo al Comune di Camino al Tagliamento per la sicurezza degli edifici scolastici. Anche Leonardo Barberio (FdI) ha ritirato la sua istanza legata agli incentivi sull'edilizia agevolata nell'ambito della Riforma organica delle politiche abitative e riordino dell'Ater.

In materia di procedimenti di recupero in autotutela, approvato un emendamento modificativo di ispirazione giuntale, mentre si sono fermati in sede di voto quelli di Furio Honsell (Open Sinistra Fvg) e ancora di Moretti e Santoro per sopprimere un articolo 93 "che, nell'intento di facilitare l'accesso alle agevolazioni fiscali da parte dei cittadini, li mette a rischio in quanto le norme fiscali richiedono la conformità ante interventi".

Semaforo verde anche per la proroga al 31 dicembre 2021, auspicata dallo stesso Pizzimenti, dei termini per la rendicontazione degli interventi relativi alla sostituzione dei serramenti, a causa di lavori forzatamente prolungati dalla pandemia.

Ancora Moretti e il collega di partito Francesco Russo hanno trasformato in odg l'auspicato stanziamento per scorrere la graduatoria relativa al Bando 2020 per il finanziamento di interventi edilizi su strutture per la prima infanzia. Moretti ha anche deciso di ritirare l'istanza, legata ai dipendenti di Fvg Strade con contratto differenziato rispetto i colleghi. "Stiamo vagliando tutte le ipotesi con Fvg Strade e la rappresentanza sindacale" ha sottolineato in tal senso Pizzimenti.

Respinto, invece, l'emendamento Moretti-Santoro sugli anni di residenza in regione necessari per l'accesso a varie forme di agevolazione e/o contribuzione. Russo, dal canto suo, si è visto bocciare la richiesta di concessione all'Autorità di Sistema portuale del mare Adriatico Orientale di un contributo straordinario da un milione e mezzo di euro per la sistemazione dello stabilimento balneare Ausonia di Trieste. Stesso esito, parlando di requisiti minimi dei beneficiari delle politiche abitative della Regione Fvg, dopo la sentenza della Corte costituzione sulla non correlabilità tra tale requisito e lo stato di bisogno riferito alla persona.

Espressione negativa da parte dell'Aula, su tema similare, anche per la richiesta della pentastellata Ilaria Dal Zovo (insieme a Mauro Capozzella, Cristian Sergo e Andrea Ussai) che suggeriva punteggi modulati aggiuntivi in funzione dell'anzianità di permanenza nelle graduatorie degli aventi diritto per combinare il criterio del radicamento territoriale con quello della prioritaria rilevanza del bisogno abitativo.

Non è andato a buon fine, nonostante il lungo dibattito e le firme aggiunte da Franco Iacop (Pd), Massimo Moretuzzo (Patto per l'Autonomia) e Simona Liguori (Cittadini), l'appello avanzato da Santoro per ottenere un contributo straordinario da 4 milioni di euro al Comune di Udine per alleviare gli oneri derivanti dall'acquisto e riqualificazione dell'edificio denominato ex Dormisch. Iniziativa lodata anche da Honsell che ha parlato di "progetto eccellente che si inserisce in un vuoto progettuale". In questo frangente sono intervenuti anche Mauro Di Bert (Progetto Fvg/Ar) e Tosolini.

Sul tema della salvaguardia della biodiversità e della sicurezza stradale hanno chiesto provvedimenti i consiglieri del M5S, attraverso Capozzella, al fine di attuare soluzioni progettuali per migliorare l'integrazione ambientale delle opere infrastrutturali con gli ecosistemi del territorio, in particolare quello degli anfibi che diventerà un odg.

Stralciato, in vista di approdare in Commissione, il contributo straordinario da 2 milioni di euro per migliorare la salubrità degli ambienti scolastici e ridurre l'esposizione ai fattori di rischio legati al Covid-19 per alunni, insegnanti e operatori, chiesto dal Partito democratico tramite Chiara Da Giau, per l'acquisto e l'installazione di dispositivi per la ventilazione meccanica controllata per palestre e mense degli istituti comprensivi.

Una scelta presa anche sulla base delle assicurazioni fornite dall'assessore Pierpaolo Roberti che ha confermato "l'interesse verso forme di messa in sicurezza, ma anche la necessità di sicurezze riguardo dell'efficacia di determinate misure. Il rischio è quello di spendere in risorse utilizzate male". ACON/DB-fc



L'Aula durante i lavori
Mauro Capozzella (M5S)