News


Salute: Conficoni (Pd), risposta insufficiente di Asfo a liste attesa

19.05.2021
16:48
(ACON) Trieste, 19 mag - "Nonostante il forte e costante impegno degli operatori sanitari, la risposta che l'Azienda sanitaria Friuli occidentale (Asfo) sta dando a una situazione preoccupante è insufficiente. Ora che la pressione sta diminuendo, è importante che la Regione elabori un piano straordinario di recupero degli interventi chirurgici per rispondere alle esigenze di salute delle persone in lista d'attesa".

A chiederlo in una nota è il consigliere regionale del Pd Nicola Conficoni, firmatario di un'interrogazione discussa in Aula, attraverso la quale chiedeva alla Giunta di chiarire la situazione delle liste d'attesa, con particolare riferimento a oncologia, chirurgia della mano, oculistica e otorino in Asfo.

"La risposta in Aula dell'assessore regionale alla Salute, Riccardo Riccardi, è stata tanto evasiva quanto preoccupante: diversamente da quanto richiesto, infatti -rende noto Conficoni -, il numero complessivo delle persone in attesa di essere operate non è stato fornito. Dai dati proposti, tuttavia, emerge che nei primi tre mesi del 2021 il 25% degli interventi chirurgici eseguiti a malati oncologici non ha rispettato i tempi previsti dalla normativa".

"Delle 260 persone in attesa di un intervento con priorità A, che andrebbe eseguito entro 30 giorni, ben 98 stanno aspettando l'operazione da più di un mese. Certo nelle prossime due settimane verranno recuperati gli interventi più urgenti - riconosce il dem -, ma ce ne vorranno ben sei, però, per eseguire gli altri. Inoltre, proprio perché gli interventi con priorità inferiore non sono stati considerati, è evidente che l'annunciata ripresa della normale attività chirurgica seppure sia un passo avanti necessario, resta ancora insufficiente".

Secondo Conficoni "non è di questo atto dovuto che i cittadini hanno bisogno. Dopo un anno di sospensione o rallentamento dell'attività chirurgica, è evidente che il ritorno alla normalità non basta. Accanto a maggiore trasparenza, serve un piano straordinario di recupero delle liste di attesa che preveda un aumento dell'utilizzo delle sale operatorie e incentivi rivolti al personale. Definirlo in un'ottica di priorità è il modo giusto di tutelare la salute della comunità". ACON/COM/rcm



Nicola Conficoni (Pd)