News


Vino: Zanin a presentazione Festa Bertiolo, bel segnale di ripartenza

17.06.2021
16:06
(ACON) Udine, 17 giu - Torna la Festa del vino di Bertiolo, e dopo un anno di forzosa astinenza è una notizia per tutto il Friuli Venezia Giulia. È questo il motivo che ha spinto il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, a presentare pubblicamente, con la massima solennità istituzionale, la settantaduesima edizione della storica manifestazione che prenderà il via sabato 19.

"La Regione - ha detto il presidente durante la conferenza stampa organizzata nella sede di via Sabbadini a Udine - è sempre stata vicina a questa Festa e alla mostra-concorso, e oggi è particolarmente orgogliosa di celebrare il coraggio degli organizzatori che sono riusciti a mettere in piedi l'evento nonostante le restrizioni legate alla pandemia: si tratta di un bel segnale di ripartenza".

Alberto Budai, presidente della II Commissione consiliare permanente che si occupa di agricoltura, ha sottolineato l'importanza economica del prodotto vino in Fvg: "È uno dei pilastri dell'economia agricola e muove una grande quantità di scambi economici, anche attraverso il mondo della ristorazione". Durante l'incontro il consigliere regionale ha poi toccato il tasto della promozione turistica: "La cultura del buon bere e del buon mangiare può avvicinare molti visitatori anche nei territori della Bassa friulana, ricchi di attrattive". A qualcosa, è ovvio, si dovrà ancora rinunciare, ma la Festa si ripresenta con gran parte dei suoi punti fermi. "È chiaramente un'edizione straordinaria per un anno straordinario - ha spiegato infatti il sindaco di Bertiolo, Eleonora Viscardis - : non potremo allestire i chioschi ma nei cinque bar del capoluogo sarà possibile assaggiare i vini. E si farà l'ormai tradizionale mostra-concorso, spostando le degustazioni all'Agristella. Si conferma inoltre - ha detto ancora Viscardis - il connubio con l'arte e la cultura, grazie a una mostra dedicata agli affreschi della chiesa di San Martino portati alla luce con un recente restauro e all'esibizione della Filarmonica di Bertiolo". Fa parte di questo legame il premio al personaggio friulano "doc" che quest'anno sarà don Alessio Geretti, l'organizzatore delle mostre di Illegio. Il riconoscimento gli verrà conferito domenica 27 giugno. Sul piano più strettamente enologico, l'adesione dei produttori è incoraggiante: più di sessanta aziende e quasi 300 campioni in degustazione rappresentano solo una leggera flessione rispetto ai numeri del pre-pandemia. "E avremo - ha reso noto Marino Zanchetta della Pro loco, infaticabile organizzatore che l'anno scorso venne bloccato dalle normative anti-Covid a venti ore dall'avvio dell'edizione 2020 - vini da tutte le zone doc della regione, da Muggia fino all'estremo ovest". Zanchetta ha anche annunciato la novità assoluta di una degustazione con persone non vedenti. Alla presentazione hanno partecipato anche Valter Pezzarini, presidente regionale delle Pro loco, Tiziano Venturini per l'Associazione Città del vino e Lodovico Rustico, coinvolto nel progetto di valorizzazione degli affreschi di Bertiolo. ACON/FA



Un momento della conferenza stampa con il presidente Zanin, secondo da destra
La presentazione della Festa del vino di Bertiolo