garante regionale dei diritti della persona

notizie

25 ottobre 2021

Corso formativo "Infanzia e adolescenza ai tempi del coronavirus. Caratteristiche comportamentali ed esigenze educative"

 

Il Garante regionale dei diritti della persona, prof. Paolo Pittaro, ha programmato per martedì 09 novembre 2021 l’incontro formativo “INFANZIA ED ADOLESCENZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS. Caratteristiche comportamentali ed esigenze educative”.

Un pomeriggio di approfondimento e di studio legato alle principali criticità emerse durante il periodo pandemico che tutt’ora ci troviamo a vivere. La pandemia in corso ha inciso pesantemente nella vita di bambini ed adolescenti provocando l’emersione di nuovi bisogni accanto a quelli già conosciuti o l’insorgere di nuove forme di fragilità e vulnerabilità.

L’evento, rivolto agli operatori dei Sevizi sociali, agli Assistenti sociali, agli insegnanti e a tutti coloro che quotidianamente si occupano dei soggetti di minore età, si svolgerà presso l’Auditorium “Antonio Comelli” nella sede della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in via Sabbadini 31, a Udine dalle ore 14.30 alle ore 18.30.

Dopo il saluto del Presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, il Garante regionale Pittaro introdurrà l’incontro illustrando i principali temi che verranno trattati nel corso del pomeriggio.

Tre sono i moduli previsti. Nel primo modulo, dedicato al tema della pandemia e istruzione, susseguiranno gli interventi di Enrico Galiano, Professore di scuola secondaria e scrittore, e Matteo Maria Giordano, Media educator specialista in educazione alle nuove tecnologie.  Nel secondo modulo il prof. Daniele Fedeli, professore associato di Pedagogia speciale all’Università degli Studi di Udine, affronterà il tema delle fragilità genitoriali e povertà educative. Il terzo e ultimo modulo è dedicato in particolare all’adolescenza, all’autolesionismo e alla violenza di strada. Interverranno Alessio Vieno, responsabile scientifico di LAB IT, laboratorio di Ricerca e Intervento su internet e dipendenze dell’Università degli Studi di Padova, Roberto Dall’Amico, Direttore presso S.C Pediatria e Neonatologia di Pordenone, Roberto Moratti, Direttore di SOC del Dipartimento delle Dipendenze Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale e Marco Carrozzi, Direttore di Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile, IRCCS materno infantile Burlo Garofalo.

L’incontro è stato inserito nel programma di formazione continua dall’Ordine degli Assistenti sociali del Friuli Venezia Giulia e dall’Ordine degli Avvocati di Udine.

La partecipazione è prevista sia in presenza che in modalità webinar previa iscrizione a cr.organi.garanzia@regione.fvg.it.

Locandina evento formativo

 
19 ottobre 2021

Il Garante regionale dei diritti della persona alla riunione nazionale con la Cassa delle Ammende

Il giorno 7 ottobre 2021 si è svolto a Roma, presso la sede del Presidente Nazionale delle persone ristrette nella libertà personale, prof. Mauro Palma, una riunione con i Garanti territoriali e la Cassa delle Ammende, rappresentata dal Presidente, dott. Gherardo Colombo, e dal Segretario generale, dott. Sonia Specchia. Nel corso dell’incontro, cui ha partecipato da remoto il Garante regionale dei diritti della persona, prof. Paolo Pittaro, sono state presentate le richieste e le esigenze delle varie sedi in vista della prossima definizione delle Linee programmatiche 2022-2024 della Cassa delle Ammende.

 
19 ottobre 2021

Il Garante dei diritti della persona visita la casa circondariale di Trieste

Il giorno 4 ottobre 2021 il Garante regionale del diritti della persona, prof. Paolo Pittaro, si è recato alla casa circondariale “Ernesto Mari” di Trieste, ove ha incontrato il Direttore dott. Paolo Bernardo Ponzetta, ed ha effettuato  una visita della struttura, accompagnato dalla Vice-Comandante della polizia penitenziaria, dott. Annamaria Peragine. In particolare, rimarcando il sovraffollamento della struttura (circa il 150%), il Garante ha constatato l’andamento della ristrutturazione delle docce e degli ambienti di recente interessati dalle infiltrazioni e la crescente riapertura dei Corsi professionali e scolastici, mentre è stato informato, anche dal medico dell’istituto, dei problemi relativi al richiesto possesso del c.d. Green pass per il lavoro all’interno e quello all’esterno, specie in riferimento ai semiliberi, ancora in via di risoluzione per i detenuti che hanno rifiutato la vaccinazione.